Le attività antitumorali della curcumina e del suo più potente analogo isossazolico non sono compromesse dal pattern di espressione genica della variante MDR della linea di carcinoma mammario MCF-7