Il Parco Eolico di Ulassai sembra la materializzazione di un ossimoro: gli imponenti aerogeneratori, quasi avessero compiuto un viaggio a ritroso nel tempo, sorprendono l’osservatore in un paesaggio antico, modellato da una gestione del territorio rimasta pressoché invariata da millenni. Nello spazio tra la torre eolica 43 e i resti del Nuraghe Cea Arcis, poco discosto, è riassunta la storia di un luogo sardo recondito ma significativo. Tra gli aerogeneratori disseminati sulle dolci ondulazioni del Parco Eolico, si aggirano indolenti gli animali al pascolo: mucche, pecore, capre, maiali. Tutt’attorno, l’orizzonte è segnato dai profili scultorei e primordiali dei tacchi d’Ogliastra. E quei 2.900 ettari tra Perdasdefogu e Ulassai sono ora affetti da una curiosa schizofrenia: quali elementi connotano maggiormente il territorio? Le grandiose installazioni moderne o i segni lasciati da una pastorizia millenaria? Propendiamo per la pastorizia: le torri eoliche, alte 65 metri, appaiono leggere fin quasi a scomparire, su quelle colline coperte di cisti. Il paesaggio del Parco Eolico rincuora, facendo intravvedere la praticabilità di uno sviluppo economico compatibile con la conservazione dell’ambiente naturale e delle attività tradizionali.

L MOSSA, A ARU, MC FOGU, GUARINO R, L ZAVATTERO (2008). Studio geobotanico del Parco Eolico di Ulassai. CATANIA : EDIBO.

Studio geobotanico del Parco Eolico di Ulassai

GUARINO, Riccardo;
2008

Abstract

Il Parco Eolico di Ulassai sembra la materializzazione di un ossimoro: gli imponenti aerogeneratori, quasi avessero compiuto un viaggio a ritroso nel tempo, sorprendono l’osservatore in un paesaggio antico, modellato da una gestione del territorio rimasta pressoché invariata da millenni. Nello spazio tra la torre eolica 43 e i resti del Nuraghe Cea Arcis, poco discosto, è riassunta la storia di un luogo sardo recondito ma significativo. Tra gli aerogeneratori disseminati sulle dolci ondulazioni del Parco Eolico, si aggirano indolenti gli animali al pascolo: mucche, pecore, capre, maiali. Tutt’attorno, l’orizzonte è segnato dai profili scultorei e primordiali dei tacchi d’Ogliastra. E quei 2.900 ettari tra Perdasdefogu e Ulassai sono ora affetti da una curiosa schizofrenia: quali elementi connotano maggiormente il territorio? Le grandiose installazioni moderne o i segni lasciati da una pastorizia millenaria? Propendiamo per la pastorizia: le torri eoliche, alte 65 metri, appaiono leggere fin quasi a scomparire, su quelle colline coperte di cisti. Il paesaggio del Parco Eolico rincuora, facendo intravvedere la praticabilità di uno sviluppo economico compatibile con la conservazione dell’ambiente naturale e delle attività tradizionali.
Settore BIO/03 - Botanica Ambientale E Applicata
L MOSSA, A ARU, MC FOGU, GUARINO R, L ZAVATTERO (2008). Studio geobotanico del Parco Eolico di Ulassai. CATANIA : EDIBO.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/11042
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact