La modernità del “Conciliatore”: preludio culturale della ‘nuova Italia’