In un momento caratterizzato da una profonda crisi di sistema, che investe l’economia e gli assetti produttivi ma anche identità e valori, si moltiplicano le riflessioni e le posizioni che indicano nel ritorno ad una rinnovata dimensione del fare una via possibile per riavviare processi economici innovativi, che ridiano centralità alle persone e alle comunità. Recuperare il “saper fare” artigianale, al tempo dell’intelligenza collettiva e connettiva, dell’internet delle cose, dell’open source e dei fablab, può essere occasione di rinascita economica e sociale, individuale e collettiva, di più generazioni di progettisti e innovatori, minacciati negli ultimi anni dallo “spettro dell’inutilità” evocato da Sennett. Anche nella prospettiva di dare un contributo alla formazione dei nuovi designer, il libro cerca di mettere a fuoco e descrivere criticamente alcuni aspetti del fenomeno dei makers e delle start-up innovative in continua e magmatica evoluzione, proponendo una riflessione a più voci - sviluppate intorno a occasioni di ricerca ed esperienze didattiche - su alcuni temi emergenti nella cultura del design, come il rapporto tra pratiche progettuali e processi di conoscenza, mediato dalle nuove tecnologie.

Monterosso, F. (2013). Open design. Pratiche di progetto e processi di conoscenza. Siracusa : LetteraVentidue.

Open design. Pratiche di progetto e processi di conoscenza

MONTEROSSO, Francesco
2013-01-01

Abstract

In un momento caratterizzato da una profonda crisi di sistema, che investe l’economia e gli assetti produttivi ma anche identità e valori, si moltiplicano le riflessioni e le posizioni che indicano nel ritorno ad una rinnovata dimensione del fare una via possibile per riavviare processi economici innovativi, che ridiano centralità alle persone e alle comunità. Recuperare il “saper fare” artigianale, al tempo dell’intelligenza collettiva e connettiva, dell’internet delle cose, dell’open source e dei fablab, può essere occasione di rinascita economica e sociale, individuale e collettiva, di più generazioni di progettisti e innovatori, minacciati negli ultimi anni dallo “spettro dell’inutilità” evocato da Sennett. Anche nella prospettiva di dare un contributo alla formazione dei nuovi designer, il libro cerca di mettere a fuoco e descrivere criticamente alcuni aspetti del fenomeno dei makers e delle start-up innovative in continua e magmatica evoluzione, proponendo una riflessione a più voci - sviluppate intorno a occasioni di ricerca ed esperienze didattiche - su alcuni temi emergenti nella cultura del design, come il rapporto tra pratiche progettuali e processi di conoscenza, mediato dalle nuove tecnologie.
2013
Settore ICAR/13 - Disegno Industriale
978-88-6242-101-0
Monterosso, F. (2013). Open design. Pratiche di progetto e processi di conoscenza. Siracusa : LetteraVentidue.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Open_Design_Web.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Open design. Pratiche di progetto e processi di conoscenza
Dimensione 4.02 MB
Formato Adobe PDF
4.02 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/103731
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact