Dai complessi agli ipercomplessi nella metà dell’ottocento