Su dolore e scienza della cultura